@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Berlusconi for President

Con un annuncio che a molti è sembrato a sorpresa, Silvio Berlusconi ha comunicato che sarà lui il leader della Coalizione del Centro Destra alle politiche del 2006 e che il partito unitario si farà dopo le elezioni stesse.
Come sempre quando esterna Berlusconi c'è un florilegio di reazioni, dietrologie, supposizioni, interpretazioni.
A dimostrazione che la politica italiana è silviocentrica (un suo sbadiglio e i TG aprono: "Berlusconi si annoia, lascia la politica !") come possiamo verificare in libreria dove il reparto "politica e attualità" è ridondante di pamphlet contro Berlusconi (e Bush) che fanno la fortuna dei loro spregiudicati autori.
Così, oggi, quotidiani e "bene informati" della politica hanno detto di tutto e di più.
E si va dal "Berlusconi si candida perchè Fini e Casini sono certi della sconfitta" al "Berlusconi si candida perchè sente odore di vittoria".
C'è la delusione di chi crede nel partito unitario e c'è la soddisfazione di chi lo ha sempre osteggiato.
Non volendo "di mille voci al sonito" unire anche la nostra, ci limitiamo in questa sede a richiamare lo splendido post odierno di The Right Nation che invita a non lasciarsi travolgere dal pessimismo.
In particolare apprezziamo, perchè da noi sempre sostenuto, quanto viene scritto circa il duplice obiettivo, quella che noi chiameremmo "la politica del doppio binario": scadenza elettorale del 2006 e progetto del partito unitario per un'altra spinta verso il bipartitismo, con un partito che abbia al suo interno tutte le Destre.
Dobbiamo avere la consapevolezza che questo nostro Governo ha rappresentato una svolta nell'approccio alla politica.
La svolta c'è stata con le varie riforme della scuola, delle comunicazioni, della giustizia, del federalismo, del mercato del lavoro, la legge sull'immigrazione, le pensioni, la politica estera, la riduzione delle tasse.
Certo, ognuno di noi, in rapporto agli argomenti cui è più sensibile, avrebbe voluto che non ci si limitasse a cambiare il registro dell'approccio riformatore, ma che si tagliasse di netto con il passato.
Anch'io vorrei, tanto per dirne una, che le imposte diventassero solo proporzionali (abrogando la progressività) e mi venisse sottratto non più del 10% del mio guadagno.
Ma la politica è l'arte del possibile e se penso al passato anche recente, alla sòla che ci hanno rifilato Prodi e Ciampi con l'euro, allora dico mille volte meglio un Berlusconi prudente che uno qualsioasi dei suoi possibili antagonisti che, messi assieme, non ne fanno neppure la metà della metà.
M.F.
:: posted by Massimo @ 17:07


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger