@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


ci dicano qualcosa di destra...

nessuno vuole fare demagogia da quattro soldi, ma questo governo di centro-destra ha fatto davvero qualcosa di centro-destra o si è solo limitato a continuare il pessimo lavoro dei precedenti governi?
Vanno fatte considerazioni di merito e di metodo.
Alcune riforme importanti sono state fatte:

- Mercato del Lavoro: la riforma detta "Legge Biagi" è sicuramente il primo tentativo di cambiare al prospettiva di tutela nel mercato del lavoro, passando da un tutela del lavoratore nel posto di lavoro ad una tutela del lavoratore nel mercato. Bisogna comunque dire che un primo nobile tentativo fu fatto da Tiziano Treu che, ostacolato da alcuni partiti della sua coalizione e da posizioni ideologiche difficlmente superabili, finì col partorire un sistema ricco di flessibilità in alcuni punti, privo di tutele in altri e pieno di lacci nel 90% dei rapporti regolati.

- Riforma fiscale: qualcosa è stato fatto,sopratutto tenendo conto del fatto che il sistema è in recessione (o stagnazione, che dir si voglia, in termini fiscali poco cambia). Sarebbe stato logico mettere le mani nelle tasche dei cittadini, non è stato fatto ed è un'importante inversione di tendenza.

- Riforma federale: anche qui,vale la regola del "bene,non benissimo". Si poteva fare di più,certo. Ma qualcosa si è fatto, i decreti attuattivi ci diranno i termini e la portata generale di questa riforma. rimane, anche qui, un cambio di rotta deciso e l'introduzione di politiche di distribuzione delle competenze finora sconosciute.

- Riforma della Giustizia: fatte ,o in via di completamento,alcune riforme importantissime(Diritto Societario, Diritto Fallimentare, Codice di procedura Civile, Codice Penale, Arbitrato) rimane da portare a termine con decisione l'ultima riforma: quella dell'ordinamento giudiziario.

E' un quadro sintetico che ci dice come, nel merito, qualcosa questo governo ha fatto. E ha fatto qualcosa di destra,sicuramente.
Però non basta per due motivi:

- Primo: non si è saputo comunicare quello che è stato fatto, finendo per portare il discorso laddove gli avversari volevano, ossia sullo scontro ideologico.

- Secondo: troppo spesso non si è tirato dritto per la strada indicata. All'opposizione, ai poteri presunti terzi (magistrati,sindacati,confindustria) ,agli alleati riottosi bisognava far capire con decisione che alcune cose gli italiani le avevano votate esplicitamente (riforma delle aliquote, riforma federale) e che tentennamenti e passi indietro non erano possibili. E' mancato a questo governo il decisionismo che avrebbe portato Berlusconi a dire: o così o a casa.

Larga parte dei problemi sono sorti dal fatto che il partito del presidente, Forza Italia, è senza dubbio quello peggio organzzato di quelli della coalizione.
Con un partito forte alle spalle,forse Berlusconi avrebbe giocato un'altra partita.
Ora,davanti allo sciopero fazioso dei magistrati, mettano da parte le beghe di coalizione e facciano e dicano qualcosa di destra, almeno una volta.


http://freedomland.ilcannocchiale.it/
:: posted by Simone Bressan @ 11:01


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger