@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Fini si redime

Speriamo che non sia una redenzione solo momentanea.
Il Presidente di Alleanza Nazionale torna ad essere il Fini vero, quello dei comizi a Mirabello, quello che si iscrisse all’MSI perché gli impedirono di vedere John Wayne in “Berretti Verdi”, quello che rifiutava un maestro omosessuale, quello che “Mussolini è stato il più grande statista del secolo”.
Gianfranco Fini, con un colpo di reni, prende il coraggio a due mani e:
1) afferma che la leadership di Berlusconi non è in discussione;
2) si schiera a favore del Partito Unitario;
3) rivendica i meriti del Governo, ribattendo ai catastrofismi ed ai mentitori, perchè l’azione del Centro Destra ha salvato l’Italia dallo sfascio.
Non parlo delle problematiche interne, ma è significativo che Fini sia riuscito a riportare unità tenendosi le mani libere su un progetto politico che torna ad essere in sintonia con quello di Berlusconi.
Quale differenza con la squallida relazione di Follini al congresso udc solo in parte corretta da Casini in un evidente gioco delle parti !
Così Berlusconi ha incassato due sì e un no ... corretto.
Il sì è arrivato da Castelli che, subito dopo la relazione di Follini ha riaffermato la scelta di campo della Lega, e da Fini all’Assemblea di A.N.
A questo punto, con le formazioni politiche di Rotondi (la D.C.) e di Lombardo in Sicilia: c’è ancora bisogno di dissanguarsi per accordarsi con Follini ?
Siamo sicuri che, se Berlusconi decidesse di fare a meno dell’udc, tutti seguirebbero Follini ?
Io credo che vada visto il gioco di Follini.
Credo che una parte significativa dell’Udc non abbandonerebbe il Centro Destra.
Credo che Follini si troverebbe a dover scegliere tra l’entrare nella coalizione di sinistra (perdendo presumibilmente una consistente fetta del suo elettorato) o a tentare un’avventura solitaria che, con le diaspore che subirebbe, lo porterebbe a non ottenere seggi al maggioritario e a rischiare di non raggiungere il 4% nel proporzionale.
Certo, come abbiamo visto in passato, la dispersione anche di un paio di punti in percentuale metterebbero in pericolo la riconferma del Centro Destra al Governo, ma non si può, pur di raccattare voti, spingersi oltre un certo limite nell’accettare e nel subire i ricatti di Follini.
Fini ha risposto con orgoglio, nel momento di massima difficoltà e Alleanza Nazionale si è schierata, scegliendo il campo, assieme a Lega e a Forza Italia.
Follini cerca di fare il furbo.
Facciamo in modo che le furberie da prima repubblica non paghino.
M.F.
:: posted by Massimo @ 16:47


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger