@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Politica arte del possibile

Due Consigli Nazionali (Forza Italia e Udc), una Direzione Nazionale (AN) e ieri l’Assemblea Costituente del Partito Unitario.
Così, prima della pausa agostana, si è messa in moto la macchina che porterà alle elezioni del 2006 la Coalizione di Centro Destra che governa (bene) in un periodo turbolento, così è stato anche attivato il processo unitario dello stesso Centro Destra.

Il tutto in una settimana in cui gli assestamenti nella politica italiana hanno visto il “giovane” Craxi all’inseguimento di una poltrona purchessia, aggregandosi alla incoerente armata Brancaleone (con tutto il rispetto per Brancaleone) della sinistra e il leader (?) della sinistra Prodi infilare una clamorosa gaffe sulla missione di pace Italiana in Iraq, a dimostrazione che il professore reggiano pur di soddisfare la sua ambizione, sacrificherebbe tutto e tutti, in una rincorsa con Bertinotti a chi la spara più grossa, evidenziando chiari limiti caratteriali, intellettuali e morali.

Ma veniamo al Partito Unitario, la vera novità della politica nei prossimi anni.

La stampa ha fornito interpretazioni differenti, crogiolandosi nei retroscena e nell’interpretazione dietrologica di quel che è stato detto o taciuto, quindi ci baseremo essenzialmente su quelli che sono stati gli interventi ufficiali.

Il via libera al Partito Unitario è stato dato da tutti i tre partiti che dovrebbero costituirne il nucleo fondante.
Un via libera che, però, non significa la immediata realizzazione di questo nuovo soggetto politico.
Ragioni tattiche e il permanere di alcune diffidenze di fondo hanno consigliato Berlusconi e Fini ad essere prudenti sulla tempistica ed a prevedere una sua concretizzazione dopo le elezioni del 2006, alle quali, quindi, si andrà – rebus sic stantibus - tutti con i simboli esistenti.
E questo potrà essere un bene, perché consentirà anche il recupero all’idea del Partito Unitario di una Lega che presumibilmente raccoglierà un buon successo alle elezioni, se manterrà la rotta tracciata da Castelli e Calderoli su giustizia, europa e terrorismo islamico.
Ognuno con i propri simboli ma con una sintonia che in questi ultimi tempi è stata marcata dall’approvazione della riforma della giustizia, della modifica dei tempi di prescrizioni e della recidiva, dal rifinanziamento della missione in Iraq, dai provvedimenti antiterrorismo.
Coesione che non ha la sinistra, spaccata anche sulle misure Pisanu contro il terrorismo islamico.

Per un Centro Destra spesso scosso da polemiche laceranti l’attuale coesione è un ottimo auspicio che trova puntuale riscontro nelle rilevazioni dei sondaggi, che danno la Coalizione di Governo in costante crescita.

Il periodo di vacanza agostano inizia quindi sotto ottimi auspici per la Maggioranza di Governo: coesione, un concreto progetto avviato per il Partito Unitario, un buon successo nella lotta contro il terrorismo islamico.
Il programma di Governo è ormai completato e le promesse sono state mantenute con la realizzazione di importanti riforme
Ognuno di noi avrebbe le sue speranze, le sue priorità, le sue aspettative, ma proprio per questo, perché le personali idee devono coniugarsi con quelle di altri è opportuno dare alla politica, che è l’arte del possibile, tutto il tempo necessario per creare e pluribus unum.
M.F.
:: posted by Massimo @ 10:49


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger