@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Il volto nudo della sinistra

Adesso possiamo, richiamandoci a Sherlock Holmes, dire: si tratta di censura rossa.

Se infatti un indizio è solo un indizio, due indizi sono solo due indizi, tre indizi sono una probabilità.

Dopo la scomparsa, nella notte tra il 24 e il 25 agosto (stessa tecnica usata da Amato nel 1992 per espropriarci dello 0,6 per mille dei nostri conti correnti) , di Blacknights e Mariniello.org , sempre nottetempo (tra il 25 e il 26 agosto) anche il blog del Castello è scomparso dagli elenchi di un aggregatore.

Liberi i gestori di blog news di scegliere i partecipanti, ma allora si chiamino blog left news, un modo più onesto per dichiarare la loro appartenenza.
E non cerchino foglie di fico, con un Centro Destra di comodo.

Ma la vicenda della scomparsa dei nostri blog assume anche una rilevanza politica.
Chi ha starnazzato contro le presunte censure di Berlusconi e la sua fantomatica occupazione dei mezzi di comunicazione di massa, adesso agisce esattamente come (nelle sue fantasie) imputa a Berlusconi di agire: censurando e tentando di frapporre ostacoli alla diffusione di idee.

Abbiamo scritto “tentando”, perché è un miserrimo tentativo destinato a fallire, è il tentativo di chi vuole vivere in un regime e in un mondo chiuso, senza avere la minima apertura mentale rispetto alle verità che opinioni diverse possono portare.

E abbiamo scritto “tentando” perché per 40 anni la sinistra ha cercato di far scomparire la Destra che ora è più forte e al Governo.

Il comportamento dei gestori di blog left news è anche una evidente autodenuncia sul reale dna della sinistra: intollerante, repressivo e oscurantista.

E sarebbe sufficiente riportare quanto comunicato in un commento nel blog di Tisbe :
Se ti può far piacere. Se vi può far piacere. Sia il blog di mariniello che quello di monsoreau sono stati cancellati dall' aggregatore blog-news.net. Grideranno alla censura. Già lo so. Come altri già hanno fatto. Ma chi utilizza, legge blog-news.net sa che la censura non è proprio nel nostro stile. Ci si confronta, anche, sul concetto di democrazia, sui sistemi economici e sociali, sulla politica, quella vera. In modo rispettoso, intelligente, umano. Ma il rispetto delle idee ad ogni costo, per me, è un ipocrisia. Perchè si parli di rispetto è indispensabile che siano condivisi dei principi. Se qualcuno pensa di sostenere che un clandestino è un criminale, che la vita ed il diritto di un italiano vale di più di quella di un cittadino non italiano, se qualcuno intende sminuire l' orrore del concetto di colonialismo che lo faccia pure. Per quel che mi riguarda, io questi discorsi li rifiuto, sempre, da chiunque provengano. Il fascismo è stato solo merda. Punto. E su questo semplice concetto si basa la costituzione repubblicana. Se chi condivide questo censura, beh, allora si, io censuro, e sono orgoglioso di farlo.”

Uno “orgoglioso” di censurare non ha capito nulla della democrazia e della libertà, a maggior ragione se non ha neppure l’educazione di comunicarlo personalmente ai censurati.
Con siffatti individui non possiamo avere nulla a che spartire, ad eccezione, purtroppo, della comune cittadinanza Italiana.
Blog left news con la sua censura ha mostrato il volto nudo della sinistra che nessun lifting riuscirà mai a nascondere
E di questo dobbiamo ringraziarli, perché troppo spesso ci si dimentica cosa si nasconde dietro il doppio petto dei sinistri.

:: posted by il Castello @ 17:15


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger