@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Deutschland unter alles

I tedeschi sono i più grandi perdenti della Storia.

E queste elezioni non solo lo confermano, ma forniscono anche una nuova indicazione: hanno paura.

Il voto di ieri in Germania non rimette quel grande paese sul binario per crescere, ma lo mantiene in un binario morto.

La paura ha dominato le elezioni.

La paura del nuovo rappresentato dalle idee liberiste della Merkel e la paura del presente rappresentato da uno Schroeder tanto bravo a fare demagogia, quanto incapace a fare economia.

Così i più grandi perdenti della Storia hanno nuovamente perso (come già nel 2002) l’occasione per riprendere il cammino verso il futuro.

Una piccola soddisfazione per noi Italiani, spesso derisi in terra germanica per la nostra instabilità, che ora tocca loro e con la consapevolezza che il nuovo sistema elettorale proposto in Italia non avrebbe causato una simile situazione, ma avrebbe consentito alla coalizione vincente ai punti (CDU/CSU + FDP) la maggioranza parlamentare con il premio di maggioranza.

E adesso ? Tutti i commentatori sono orientati verso la Grosse Koalition che personalmente reputo la soluzione peggiore.

Centro Destra e sinistra non hanno nulla in comune, non possono governare assieme e personalmente ritengo anche che non ci sia alcuna base sulla quale iniziare un dialogo.

Considero la sinistra la sentina della politica.

In campo economico è arretrata e senza idee per il futuro.
Tutta la sua proposta si riduce nello “stato sociale” che si traduce nell’ interventismo pubblico in ogni aspetto della nostra vita.
Un “grande fratello” che porta ad un assistenzialismo senza prospettive, costoso senza produttività, anticamera del clientelismo per cui si incentivano i lavativi rispetto a chi lavora.
Ma, soprattutto, uno statalismo che assorbe sempre più risorse, sottraendole ai privati ed alla produzione, per destinarle al mantenimento, sempre sistematicamente al ribasso, di carrozzoni passivi e destinati ad essere le palle al piede di ogni economia.
Una economia che non crea alcuno stimolo, ma induce le persone a sedersi (“tanto ci pensa lo stato”) rammollendole e scaricando sulle generazioni future il peso della presente incapacità.

In politica internazionale la sinistra rappresenta la resa, la bandiera bianca che viene issata davanti alle aggressioni terroriste, solo mascherata dai mille colori del pacifintismo.
Rappresenta la vecchia, decrepita europa che non sembra aver più nulla da dire nello scacchiere internazionale, piegata su se stessa e pavida nell’affrontare le sfide violente dei barbari che premono ai nostri confini.
E’ una sinistra che ha sempre fatto le scelte sbagliate: per l’Urss prima, contro gli euromissili poi, contro la liberazione dell’Iraq in tempi recenti.

In campo etico e morale, la sinistra rappresenta una corte dei miracoli del permissivismo che si traduce in un relativismo nichilista con il quale si perde ogni prospettiva di ciò che è giusto, del Bene e del perché si deve combattere (metaforicamente e anche militarmente), per conservare questa società, che è il migliore dei mondi possibili, come ce l’hanno costruita i nostri Avi, per migliorarla e consegnarla ai posteri.

Continuo a pensare che in Germania la soluzione sia di nuove elezioni finchè una delle due parti non otterrà la maggioranza necessaria a governare senza compromessi con l’altra.


Una soluzione che auspico ovunque, nella netta e inconciliabile separazione tra Centro Destra e sinistra.
:: posted by Massimo @ 10:18


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger