@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Contratti a termine o termine dei contratti ?

Scorrendo un pò tra le proteste uliviste (ora unioniste), ci si imbatte spesso in considerazioni balzane su un punto molto controverso che i falcemartellati sembrano non capire per nulla, pur se vi è il sospetto che sia più una questione di non VOLER capire piuttosto che di non POTER capire. Il problema è quello del precariato (che io chiamo assunzione con contratto a termine).

Purtroppo al giorno d'oggi la scelta nel mondo del lavoro NON E' tra il lavorare a tempo indeterminato ed il lavorare con un contratto a termine ma è tra il lavorare con un contratto a termine ed il NON LAVORARE PER NULLA. Scrivo "purtroppo" perché anche la CDL VORREBBE LAVORO, BENESSERE e PROSPERITA' per tutti quanti. Ma bisogna fare un pò di conti e per giunta farli quadrare.

Se nell'amministrazione pubblica od in un'azienda privata si hanno a disposizione mille lavoratori e vi è disponibilità per cinquecento posti di lavoro, le soluzioni saranno tre:

Proposta 1) Istituire un numero chiuso per i posti pubblici con blocco delle assunzioni. Per le aziende private invece la soluzione è non assumere più. Tale escamotage drastico potrebbe aggiustare un pò la situazione in fieri però permette di pianificare solo parzialmente il problema in quanto non elimina nell'immediato l'eccedenza dei disoccupati. Quindi, a meno che non vogliamo adottare un sistema alla "Fuga di Logan" gasando i lavoratori come facevano i nazisti, occorre trovare una soluzione sul come far stare mille litri d'acqua in un invaso da cinquecentocento litri. Inutile dire che la sinistra è contro la proposta numero 1. Per loro il padrone di un'azienda DEVE assumere per forza e lo stato DEVE aumentare i posti di lavoro infruttiferi, con il risultato che gli imprenditori si rompono le scatole e se ne vanno in Cina, dove vi sono meno ostacoli. Bene, supponiamo di accontentare la sinistra, mettiamo da parte la proposta e passiamo oltre.

Proposta 2) Creiamo un sistema più flessibile (quello istituito da Biagi) in cui il lavoratore è più "precario" ma dispone della possibilità di essere impiegato in più posti di lavoro part-time per tutta la giornata. Inoltre il lavoratore in questo modo potrà lavorare in comparti che maggiormente necessitano di personale senza diventare inutilmente gravoso nei confronti del proprio datore di lavoro, sia esso lo stato che il privato. Con una tale soluzione l'invaso sarà riempito e poi svuotato parzialmente, poi sarà riempito ancora e svuotato un'altra volta. Adattandosi un pò ed assumendosi qualche sacrificio si può comunque lavorare tutti. Ovviamente la sinistra rifiuta anche questa soluzione. Accontentiamola ancora e passiamo oltre.

Proposta 3) Accontentiamo finalmente la sinistra. Aumentiamo i posti di lavoro da cinquecento a mille: per l'amministrazione pubblica capiterà che mille posti di lavoro (cinquecento non necessari) costeranno allo stato il doppio. Questo significa che lo stato dovrà versare il doppio degli stipendi e tartassare i cittadini. Tale cattiva amministrazione si rifletterà negativamente in due diversi reparti: il primo di natura economica ed il secondo di natura occupazionale: tassando a dismisura, infatti, i cittadini non potranno spendere per comprare prodotti industriali ma tutto il risicato stipendio servirà per pagare gas, telefono, acqua, ICI, e compgnia bella. In sostanza il cittadino sarebbe talmente salassato da potersi permettere di acquistare solo l'essenziale. Essendovi di conseguenza una flessione negli acquisti, le fabbriche dovranno ovviamente ridurre a loro volta la propria produttività (o peggio, chiudere i battenti). Questo significherà licenziamenti (ma quando una fabbrica chiude le sinistre protestano ! Come la mettiamo ?) e generare quindi disoccupazione. Et voilà, il cerchio si chiude ed eccoci dritti a ritrovare in casa un problema che avevamo cercato di far uscire dalla porta ma che è ritornato dentro dalla finestra, per giunta amplificato.

Inoltre dobbiamo tener conto dello sforamento dei parametri di Maastricht deficit/P.I.L. Essendo la matematica scienza molto precisa e non condizionabile dalle bandiere rosse, farò un esempio. Chi possiede una cognizione di analisi matematica anche a livello di scuola elementare, potrà seguire il mio discorso senza difficoltà, comunque cercherò si semplificare al massimo il ragionamento, in modo che lo possano capire perfino i sinistri.

Nel caso della soluzione 3) il deficit (a numeratore) dovuto all'aumento del debito pubblico crescerà, facendo crescere quindi anche il valore del rapporto: infatti se il deficit è al 4% e P.I.L. al 2% la frazione sarà
4/2 ed il risultato sarà = 2 (quindi entro il 3% del parametro di Maastricht).

Ma se il deficit aumentasse all' 8% ed il P.I.L. rimanesse lo stesso, avremo
8/2 = 4, fuori dai parametri europei.
Pensate un pò, già facciamo una fatica maledetta a rientrare nei parametri. Che diciamo all'Europa quando saremo ad un rapporto del 10% mentre dobbiamo stare sotto al 3% ?

MA VI E' DI PIU' !

La flessione dei consumi sarà molto alta e quindi non solo aumenterà il deficit, bensì calerà anche il P.I.L. Spiegherò con un esempio.
Ammettiamo di tenere fermo il deficit al 4%. Oggi, per ipotesi, mettiamo di avere un P.I.L. al 2% (il P.I.L. è il valore di tutto quanto il reddito in Italia).
La frazione sarà
4/2 = 2 e quindi il 3% di Maastricht viene rispettato.

Però se le fabbriche lavorassero meno o chiudessero si ridurrebbe il P.I.L. . Mettiamo ipoteticamente che esso passi dal 2% allo 0,5%. In tal caso avremmo, ipotizzando di mantenere il deficit al 4%, la frazione
4/0,5 = 8 ! Un rapporto TERRIFICANTE che ci butterebbe fuori dall'Europa.

NON SOLO !!!

Combinando le due cose (aumentando il deficit e diminuendo il P.I.L., ovvero aumentando la spesa pubblica e costringendo così le fabbriche a chiudere) il valore della frazione crescerebbe ancora più vertiginosamente: se portiamo infatti il numeratore da 4% ad 8% (il deficit) ed il denominatore da 2% a 0,5% (il P.I.L.) mentre prima avevamo 4/2=2
ora avremmo
8/0,5= 16 !!! Ancora peggio !!!

Teniamo presente che Maastricht non solo chiede un rapporto deficit/P.I.L. <= 3% ma anche il rapporto debito pubblico/P.I.L. <= 60% !!! (vedi http://www.itc-belotti.org/5alfa99/maastricht.htm)

Ovviamente queste frazioni non sono indicative del vero deficit o del vero P.I.L. ma sono solo ESEMPLIFICATIVE per far capire il meccanismo, che comunque tradotto nella realtà dei fatti ricalca sostanzialmente gli esempi citati.

Questo vi spiega perché le politiche di sinistra sono fallite in tutti i paesi socialisti e perché essi siano alla fame.

Un'ultima nota:
Siccome i sinistri ci accusano sempre (e falsamente) di non circostanziare ciò che affermiamo, direi di aver spiegato bene il concetto, no ? Io credo che più chiaro di così...!!! Prendessero i sinistri una calcolatrice e provassero a studiarsi un pò meglio le frazioni prima di dire sciocchezze...o di urlare sciempiaggini acefale nelle piazze !

P.S: scusate se trovetete qualche refuso nel post, l'ho scritto di getto e non ho avuto il tempo per ricontrollarlo. Bye !
:: posted by Jetset - Libere Risonanze @ 15:17


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger