@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


In sciopero contro il futuro

E siamo a 24 ore dallo sciopero generale contro la finanziaria.

Una finanziaria che, è bene ripeterlo, ancora una volta non pesca dalle tasche dei cittadini per trasferire fondi a quelle delle clientele parassitarie.

Una finanziaria che, se anche non è come ognuno di noi vorrebbe che fosse (e tutti abbiamo la nostra personalissima idea di dove tagliare e dove investire) coniuga al meglio, con le disponibilità presenti e nell’ambito delle ingessature europee che ci sono imposte dall’euro di Prodi e Ciampi, le varie esigenze.

E’ chiaro che se i liberisti estremi vorrebbero spazzare via con un colpo solo tutte le fatiscenti strutture assistenzialiste, gli assistenzialisti vorrebbero rattopparle per “tirare avanti” fino alla pensione (dei leader sindacali, ovviamente !) .

Quindi la finanziaria, anzi, le finanziarie di Berlusconi e Tremonti, hanno trovato la giusta via di mezzo, inserendo progressivamente elementi di liberismo in un corpo malato di assistenzialismo.

Vengono tutelate le fasce più deboli, sia con gli sgravi fiscali sotto forma di detrazioni e no tax area, ma vengono anche tagliati quei trasferimenti ai comuni utili solo all’effimero di facciata, agli spettacolini utili ad improbabili compagnie di guitti, alle missioni all’estero, alle consulenze esterne.

Vengono tagliati quei soldi che gli enti locali, invece di spendere per opere utili alla loro cittadinanza, sperperavano per l’acquisto di immobili all’estero o per finanziamenti, sempre all’estero, di chiaro stampo ideologico.

In pratica: se i comunisti ritengono che a Cuba i circoli “culturali” soffrono per il troppo caldo, se proprio vogliono par loro i condizionatori, lo facciano con i soldi loro, non con una voce di bilancio del comune di Roma !

Con le pensioni abbiamo avuto un’altra iniezione di liberismo, senza compromettere i diritti acquisiti, garantendo così le pensioni del futuro e quelle già in corso di erogazione e la riforma del TFR, pur risentendo ancora delle ingessature stataliste, è un ulteriore passo verso una società più libera, quindi migliore e produttiva.

Lo sciopero di domani, come tutti quelli che l’hanno preceduto, è contro il futuro dell’Italia, per il mantenimento delle oligarchie di potere di cui la trimurti sindacale è parte integrante e integrata.


Epifani, Pezzotta e Angeletti non meritano il sacrificio di una sola ora del nostro stipendio.
:: posted by Massimo @ 17:51


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger