@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Rivalutare Pisanu ?

L'espulsione di Daki, il "guerrigliero" graziato a Milano dalla magistratura, induce a ripensare al giudizio sull'operato del ministro dell'Interno.

Pisanu lo ricordo come giovane esponente della sinistra DC ai tempi di Zaccagnini - se non vado errato apparteneva a qualle che fu definita la "banda dei 4" con Granelli, Brodrato e Galloni, cioè il circolo dei "consigliori" dell'allora segretario democristiano - e non è un ricordo particolarmente esaltante.

Lo ritrovo in Forza Italia dopo l'esplosione della DC, come un onesto capo gruppo alla Camera.

Divenuto ministro degli Interni dopo che le manipolazioni a mezzo stampa di una battuta del suo predecessore Scaloja avevano costretto quest'ultimo alle dimissioni, non mi aveva particolarmente bene impressionato.

I suoi discorsi di maniera sui "musulmani moderati" - che vede solo lui - e l'iniziativa di istituire una consulta islamica, praticamente avallando una delle associazioni musulmane d'Italia, sembravano rappresentare la figura del tipico ministro democristiano, nè carne, nè pesce.

Anche la sua malcelata irritazione dopo una dichiarazione del ministro Lunardi che non esprimeva altro che una ovvia realtà (la questione in Val di Susa è solo di ordine pubblico perchè la decisione di fare la TAV è già stata assunta) non facevano certo bene alla sua immagine.

Invece la decisione tempestiva e coraggiosa di espellere il signor Daki ha, in parte ribaltato il personale giudizio su di lui.

Certo, le espulsioni centellinate con il contagocce non possono risolvere, da sole, il problema delle infiltrazioni di elementi pericolosi all'interno dei nostri confini, ma, almeno, possono ostacolare i piani delle organizzazioni criminali.

Magari se Pisanu continuasse su questa strada, con la decisione e la fermezza che ci si aspetta da un ministro degli Interni, non diventerà un Sarkozy che ha fermato con pugno di ferro la rivolta musulmana in Francia, ma potrà candidarsi alla riconferma per i prossimi cinque anni in uno dei ministeri più importanti di qualsiasi governo.
:: posted by Massimo @ 17:37


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger