@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Sicurezza, intercettazioni e pettegolezzi

Le solite manipolazioni della informazione, hanno fatto circolare la voce che il Senato Americano avesse “bocciato” il rinnovo del Patriot Act: non è così.

La sinistra Democratica ha fatto mancare i voti per raggiungere il quorum necessario (60 voti su 100) per un rinnovo senza discussione, ma la maggioranza del Senato (52 voti su 100) si è espressa favorevolmente.

Il Patriot Act è quel provvedimento deciso dal Presidente Bush per raccogliere informazioni necessarie a garantire la sicurezza nazionale.

Limita alcune libertà ? No.

Le libertà rimangono come prima, vi è però una autorizzazione generale ad acquisire informazioni con gli strumenti che la moderna tecnologia mette a disposizione e a controllare individui sospetti.

E’ proprio sulle intercettazioni che il New York Times ha cercato lo scoop (rivelatosi un boomerang per la decisa reazione del Presidente Bush che ha guadagnato ben 8 punti nei sondaggi) denunciando che alcune intercettazioni venivano effettuate sul suolo Americano, nei confronti dei cittadini Americani, da parte della N.S.A. (National Security Agency).

Dov’è il problema ?

Se intercettare le conversazioni private ha impedito o potrà impedire atti terroristici, ben vengano anche in Italia !

Soprattutto quando le informazioni ottenute vengono utilizzate esclusivamente allo scopo istituzionale anterrorista (e non per altri eventuali reati di cui si venisse a conoscenza) e quando non vengono diffuse, dal solito “corvo della procura”, per poi trovare nei giornali gli sms con cui promessi/neo sposi si scambiano effusioni.

La sicurezza nazionale ha una rilevanza che supera ogni altra considerazione e gli Americani lo hanno capito, regalando a Bush un forte rialzo nel giudizio sull’operato presidenziale.

Ma questo accade anche perché gli Americani non si sono trovati sulla stampa riprodotte le comunicazioni private (magari prive di alcuna attinenza con il terrorismo) degli intercettati..

Anche da questo si rileva una profonda differenza tra un sistema giudiziario improntato sì a severità, ma che tutela anche quella privacy di cui spesso si parla a sproposito.


La sicurezza di tutti è tutelata anche da comportamenti che evitano quei morbosi pettegolezzi cui invece in Italia indulgono anche i giornaloni che fanno la morale a tutti, indicando il granello di polvere che vedono nell’occhio altrui e non rilevando la trave che è nel proprio.
:: posted by Massimo @ 17:24


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger