@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


TAV: non si ammettano ritardi


Finalmente il Governo ha dato l’ordine di far sgombrare, anche manu militari, gli occupanti abusivi di suolo pubblico che impedivano l’inizio dei lavori per l’alta velocità in Val Susa.

Prima di tutto esprimiamo solidarietà alle Forze dell'Ordine impegnate, ancora una volta, in un difficile compito di ordine pubblico per colpa di un gruppo di facinorosi.

L’opera, di grande spessore e impatto economico, è il risultato dello sforzo di rinnovare la viabilità, mettendola al passo con le esigenze di una società moderna e proiettata sul futuro.

Ricordiamo che il cosiddetto “corridoio 5” che unirà l’Atlantico agli Urali è stato a lungo incerto nel suo ramo italiano, finchè le pressioni esercitate dal nostro Governo non hanno fatto decidere per il passante delle regioni del Nord.

L’alta velocità rende più facili e sicuri i commerci e gli spostamenti delle persone e delle merci.

Libererà le nostre strade da molto trasporto su gomma, con indubbi benefici dal punto di vista ambientale.

E’ evidente che nel durante dei lavori vi siano degli indubbi svantaggi, ma è come quando si ristruttura casa.

Mentre i lavori sono in corso, subiamo una rivoluzione nella nostra quotidianità, ma alal fine abbiamo una casa più bella, funzionale e di maggior valore.

Le proteste in Val Susa sono ingiustificate e chi meglio degli stessi verdi francesi può testimoniarlo: senza l’alta velocità morirete per i gas di scarico degli automezzi !

Fa pensare l'atteggiamento di questi verdi italiani: mai contenti. Vogliono bloccare la circolazione perchè, a loro dire, inquina. Ma quando si prospetta concretamente un passaggio dal trasporto su strada a quello su rotaia, si oppongono anche a quello.

Sorge veramente il dubbio che vogliano riportarci indietro nel tempo, quando le comunicazioni tra i popoli erano affidate a solitari e coraggiosi viaggiatori e i carri erano trainati dai buoi o dai cavalli ... ma sicuramente si inventerebbero che no, non è possibile schiavizzare gli animali ...



Allora c’è da pensare che vi siano degli agitatori che soffiano sul fuoco di una protesta che, altrimenti, sarebbe incanalata su un binario civile.

Già, perché civile non è una protesta che impone blocchi e impedisce il diritto di lavorare.

Bene hanno fatto le Forze dell’Ordine a sgomberare i contestatori, anche con metodi energici, perché l’occupazione di suolo pubblico è sanzionabile ed è illegittima, con la conseguenza che gli ostacoli alla libera circolazione e alle attività di pubblico interesse devono essere rimossi: con le buone o con le cattive.

Due parole sulla posizione strumentale della sinistra che, pure, con i suoi rappresentanti eletti in regione Piemonte, provincia e comune di Torino aveva salutato con soddisfazione l’alta velocità, mentre con la sua nomenklatura nazionale addita, per un pugno di voti, il Governo alla pubblica esecrazione.

Parlano, anzi, straparlano di “dialogo”, ma con chi e perché ?

La decisione di costruire il corridoio 5 è già stata presa, i finanziamenti ci sono, gli studi compiuti: quale dialogo è possibile – e quanto costerebbe ! – con chi non vuole sentir parlare dell’opera ?

La vicenda dell’alta velocità dimostra, per l’ennesima volta, la differenza che c’è tra un Governo di Centro Destra, con ministri con alto senso dello Stato e visione progettuale per il futuro del nostro paese, ed una opposizione di sinistra piccola, inaffidabile e meschina, il cui unico obiettivo è occupare quelle poltrone per poter fare solo ed esclusivamente clientela di piccolo cabotaggio.


Lunardi e Pisanu: avanti così !
:: posted by Massimo @ 17:27


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger