@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


2006: l'anno che seppellirà il politically correct

Non resistendo alla tentazione di "marcare" il 1° gennaio, l'ispirazione mi è arrivata ascoltando la radio nel tepore (di casa) e nel torpore di questo inizio anno.
Negli Stati Uniti hanno modificato gli auguri di Natale, persino alla Casa Bianca, trasformandoli in "auguri di Buone Feste".
L'albero di Natale, il Christmas Tree (espressione che abbiamo imparato sui banchi di scuola) è diventato "albero delle feste.
Che bruttura !
Assomiglia a quelle ipocrisie che chiamano i ciechi "non vedenti", i sordi "non udenti", i bidelli "personale non docente" (e mi sfugge il neologismo di questi tempi) e gli handicappati "diversamente abili".
Assomiglia alle isterie di chi eleva anatemi per un saluto Romano (che appartiene alla nostra tradizione millenaria !) o vorrebbe mettere all'indice chi si pronuncia a favore della pena di morte per crimini efferati.
Assomiglia a chi non vuole il Crocefisso nelle aule scolastiche e di tribunale.
A chi non vuole le canzoni di Natale perchè suonerebbero offensive ai cittadini di altre religioni.
A chi modifica i menù tradizionali scolastici per andare incontro alle fisime alimentari delle famiglie di ragazzi immigrati che proibiscono determinate carni (e non sanno quel che perdono nel non mangiare il maiale !).
E tutti costoro non si accorgono che chinando la testa a questi diktat, rinunciando a manifestazioni, tangibili, della nostra Tradizione, invece di essere "aperti", manifestano solo un razzismo nei confronti dei nostri Avi, di Coloro che ci hanno consentito di vivere, oggi, nel benessere, nella prosperità, nella sicurezza, nella libertà.
Allora, in questo inizio di anno, non posso che auspicare che il 2006 segni la riscossa della Tradizione, quella buona e vera, contro il razzismo del "politically correct".
E che questo venga seppellito con tutti i suoi divieti.
Buon 2006, politicamente tradizionale e ... scorretto !
:: posted by Massimo @ 12:48


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger