@
il Castello WeBlog

 

 

"http://ilcastello1.net A quasi tre anni di distanza dall'ultimo cambiamento, chiarita urbi et orbi l'inaffidabilità di Fini, ci riproviamo a dare una casa comune ai blogger di Centro Destra.
I Principi ispiratori sono sempre gli stessi e si basano sulla Libertà Individuale, la Proprietà Privata, la ricerca del Benessere e della Sicurezza, nell'ambito di una società le cui radici affondano nella Romanità e nella Cristianità e, quindi, su valori etici e morali solidi e non ambigui e in cui la Famiglia, come nucleo di base della società degna di tutela, è solo quella formata da un Uomo e una Donna.
Noi non abbiamo cambiato bandiera, nè Valori, per questo possiamo a viso aperto reclamare la coerenza di questo aggregatore, rigorosamente di Centro Destra.
Il Castello si "sposta" quindi a questo link "http://ilcastello1.net aprendo a tutti coloro che condividendone principi, idee e collocazione politica, vorranno contribuire al suo successo.
Il "vecchio" Castello resterà comunque in linea e, per qualche tempo ancora, anche in funzione, ma sin d'ora invitiamo tutti a collegarsi al "nuovo" Castello "http://ilcastello1.net, che già vede aggregarsi blogger in attività di Centro Destra.

"http://ilcastello1.net


Io sono danese!

Gli integralisti islamici, che son persone sensibili e facilmente impressionabili, l'hanno presa malissimo e reagiscono pacatamente, come al solito, manifestando il loro disappunto nei confronti della Danimarca, rea di concedere la sede legale al quotidiano "Jyllands Posten", protagonista della deprecabile iniziativa di bandire un concorso finalizzato a premiare le migliori vignette umoristiche sull'Islam e su Maometto.

Dal settembre del 2005, data in cui il quotidiano ha avuto l'ardire di pubblicare le dodici vignette vincitrici, i fondamentalisti, e non solo loro, hanno dato fuoco alle polveri e scatenato un movimento di protesta internazionale contro l'operazione "blasfema".
Il sito internet del quotidiano è stato piratato tre volte e sommerso di messaggi di posta elettronica. Ma non è bastato, come non sono bastate le scuse del Ministro degli Esteri danese. E' scattato il boicotaggio dei prodotti danesi in tutto il mondo arabo e oggi siamo alle bandiere bruciate in piazza (quelle danesi) e all'assedio armato della rappresentanza dell'Unione Europea in Palestina.

Ovviamente, in Europa si sta facendo a gara a prendere le distanze da questa provocazione, specialmente perchè rivolta contro una fede religiosa che della tolleranza e del dialogo ha sempre fatto una delle sue bandiere.
Non è un mistero, infatti, che il fondamentalismo islamico abbia storicamente una vocazione alla comprensione ecumenica e una tradizione di convivenza pacifica con i fedeli di altre confessioni.
Ora, si sarà trattato anche di un'iniziativa inelegante ed inopportuna, ma sarebbe ora di piantarla a voler riconoscere a tutti i costi una parità di diritto a chi della reciprocità se ne frega bellamente.

Se qualcuno ha ritratto Maometto con in testa un turbante dal quale spunta una miccia accesa, un motivo ci sarà pure. Perchè i Mullah, gli Imam, gli Ulema, i Sadiochealltraautorità religiosa non si chiedono perchè la gente abbia questa visione dell'Islam invece di sbraitare di blasfemìa?
Perchè noi occidentali, in nome della tolleranza (?), dobbiamo sopportare le bombe nei metrò portate dai "fratelli che sbagliano" (ma neanche tanto) e i seguaci dell'Islam si devono incazzare come piranhas per dodici vignette?

Forse, dico forse, è giunto il momento di mettere qualche puntino sulle "i" con questi difensori del diritto a senso unico. Non basta dire ad "Hamas" che gli aiuti dipendono soltanto dalla rinuncia alla violenza e sono subordinati al riconoscimento di Israele. E' necessario ricominciare dall'ABC dei rapporti democratici per cui si può chiedere tolleranza solo e in rapporto a quella che loro sono disposti a concedere. Vogliono continuare a ragionare con i kalashnikov? Benissimo, non se la prendano se qualche volta un proiettile finisce loro in mezzo agli occhi. Vogliono impedire le libertà religiose dalle loro parti? Benissimo, non facciano quella faccia lì se cominciamo a chiudere le moschee in Europa. Vogliono impedire la libertà di espressione? Altrettanto d'accordo, ma non vengano qui a chiedere di poter parlare. Potrà anche sembrare la legge del taglione, ma è solo un'applicazione rigida del principio liberale: senza aver risolto la questione della reciprocità, non si comincia nemmeno a discutere di altre questioni.

Perchè non si può far sempre finta di niente, perchè non si può essere sempre dalla parte di chi mendica una soluzione pacifica, perchè non si può tollerare che un direttore d'orchestra turco impedisca di cantare a Pavarotti perchè è un infedele, perchè non si può chiamare elezione democratica quella che vede tra gli eleggibili un'organizzazione terroristica, perchè se qualche volta si sbaglia e si chiede scusa, non si può sentirsi rispondere con le ceneri della propria bandiera..

Perchè, ogni tanto, bisognerebbe avere il fegato di gridare: "Io sono danese!"
Tratto da Blogosfere, autore Mthrandir
:: posted by Mthrandir @ 12:46


Links

Italy
TocqueVille


Security Tools

MS Safety Live
Antidialer
Antivirus
Antispyware

Feed

Atom 1.5
RSS 2.0

Il Castello si rinnova

Blogger